mercoledì 30 giugno 2010

Porticina per gatti senza forare vetro e tapparella

Come ormai sapete con me vive un gatto tigrato molto affettuoso: Kirk.
Anche i gatti hanno bisogno del wc e così ho dovuto rendergli disponibile una bella e comoda lettiera dove poter fare i suoi bisognini. Pur pulendo spesso la lettiera capitava che, rientrando a casa, mi rendessi conto come fosse presente nell'aria l'odore sgradevole della sua pipì e non bastava tenere le finestre aperte perchè dopo poche ore al chiuso l'odore tornava. Avevo pensato ad alcune soluzioni, per poter tenere fuori sul balcone la lettiera e fare in modo che Kirk potesse muoversi liberamente tra casa e balcone, ma avevo incontrato un po' di ostacoli.
Il foro di ventilazione sul muro della sala era troppo piccolo per le dimensioni di Kirk e non potevo allargarlo, non potevo nemmeno praticarne uno nuovo sui doppi vetri della portafinestra e sulla tapparella. Questo perché, dopo la separazione, ho dovuto cercare una casa nuova ed ho dovuto scegliere un appartamento in affitto. I lavori che avevo quindi in mente, per motivi che non sto a dirvi, non erano quindi fattibili e così avevo abbandonato l'idea di dare a Kirk la possibilità di farsi un giretto sul balcone, in qualunque momento della giornata. Ero molto triste, sia per il problema dell'odore della pipì e sia perché a lui piace molto andare sul balcone ad "abbronzarsi".
Poi un giorno, grazie all'acquisto di materiale per costruire un giocattolo, si è accesa una bella lampadina da 100W sulla mia testa! Così mi sono recato prima nel negozio d'animali e poi al negozio per il fai da te. Nel primo ho comprato una bella, e nemmeno tanto costosa, porticina di plastica trasparente con i contorni bianchi ed una speciale rotellina che permette di decidere se il gatto può entrare ma non uscire, uscire ma non entrare, rimanere in casa o rimanere fuori. Nel secondo invece ho comprato una grande tavola di legno, misure 200x40.
Vi starete chiedendo a cosa serve la tavola, vero? Vi svelo subito il mistero!
La mia idea era quella di fissare la tavola alla base dalla tapparella per poi montarci la porticina. In questo modo il materiale "modificato" sarebbe stato il mio e smontarlo, nell'eventualità di dover cambiare casa, sarebbe stata un'operazione molto veloce. E così ho prima sagomato un bordo della tavola per farlo scorrere nella guida metallica della tapparella mentre dall'altra parte ho montato, sfalsate e sovrapposte, due tavolette per raggiungere la stessa larghezza della tapparella.
Poi ho disegnato la sagoma interna della porticina sul lato destro della tavola ed ho realizzato un taglio rettangolare con un piccolo scasso in corrispondenza della calamita interna che evita che la porticina rimanga aperta. una volta realizzato l'alloggiamento per la porticina ho verniciato la tavola con impregnate incolore per evitare che l'umidità esterna, estiva ed invernale, potesse rovinare il legno e quindi tutto il lavoro.
A questo punto dovevo evitare che la tavola rimanesse appoggiata a terra, costringendomi a fare dei movimenti tipo corsa ad ostacoli per uscire sul balcone, e che invece fosse "ancorata" alla tapparella e che permettesse di alzarsi nel momento in cui fosse stata alzata la tapparella. Ho utilizzato quindi due barre metalliche preforate che ho fissato alle viti dei due gommini che fungono da finecorsa e successivamente, tramite viti corte, alla tavola di legno.
Il risultato finale è il seguente:

Sono rimasto molto soddisfatto dal risultato ma mi aspettava il giudizio di un giudice molto severo: il mio pelosone a quattro zampe!
Kirk non era molto convinto, la porticina proprio non lo ispirava, l'annusava e basta, non ci voleva assolutamente passare attraverso. Eppure la porticina della lettiera non gli crea nessun problema :-(
Visto che l'orario della cena si avvicinava ho deciso di prendere due piccioni con una fava. In realtà ho preso Kirk per la gola: ho alzato la tapparella, ho messo sul balcone la sua ciotola con il tonno dentro ed ho richiuso la tapparella. Kirk può resistere a tutto, anche alle buste dell'umido, ma non al tonno al naturale!
Ha  provato a resistere, ha cercato di farlo con tutte le sue forze, dentro di lui era in atto una grande battaglia sul da farsi e questo è stato il risultato:

Prova superata a pieni voti!!!
Kirk si è divertito ieri sera a fare avanti e indietro un sacco di volte ed è rimasto sul balcone fino a sera tardi. Gli piace molto abbronzarsi, osservare i vicini ed il giardino dal balcone ed ora potrà farlo quando vuole :-)
Spero che l'idea che ho avuto possa essere di aiuto ad altri amici dei gatti, soprattutto a chi non vuole fare lavori di muratura o di modifica a finestre e tapparelle.
Buona serata a tutti!

10 commenti:

  1. Fantastica idea,bravo...hai realizzato bene il progetto...io non ho un gatto ma lo consiglierò ad una vicina che la notte lascia per i giardini il suo povero gattone...il gattone fa disperare il cane di un altro vicino che abbaiando fa disperare il mio povero marito

    RispondiElimina
  2. geniale, te lo dico sul serio!
    a me non sarebbe mai venuto in mente e anche se avessi avuto un lampo non ho la tua manualità per realizzare questi progetti.
    bravissimo, il gatto sará sicuramente contentissimo!

    RispondiElimina
  3. Sergep, sei trooooppo forte!!!!!

    RispondiElimina
  4. assolutamente geniale! e Kirk è fortunato!

    RispondiElimina
  5. @Valeria: Che curiosa reazione a catena! Capisco la disperazione di tuo marito, anche vicino a casa mia c'è un cane che abbaia spesso e lo fa anche a notte inoltrata...
    @Maggie: Grazie mille per i complimenti. Kirk ha apprezzato moltissimo, questa mattina ad esempio è entrato in casa per salutarmi ed era tutto felice ma soprattutto caldo: si sarà sicuramente steso al sole.
    @muccachicca: Grazie mille, mi fai arrossire!
    @mammasorriso: E si, è davvero fortunato ma per come mi dimostra il suo affetto si merita tutte le cose che faccio per lui. Ho intenzione di prendergi una "compagna" ma non so se la cosa lo renderà felice, ormai ha un anno.

    RispondiElimina
  6. Io avevo fatto il buco nel vetro.... mentre nella casa nuova non ho nemmeno quello!! idea ingegnosa ma... chissà se il mio compare avrà voglia di mettersi sotto (cosa di cui dubito molto!!!)

    RispondiElimina
  7. HO AVUTO UNA IDEA IDENTICA! POI HO CERCATO SE QUALCUNO L'AVESSE GIA' PENSATO ED ECCOLO QUI!

    RispondiElimina
  8. ma d'inverno con il freddo stai con i vetri aperti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anonimo. I vetri non rimangono tutti aperti, solo un'anta su tre rimane aperta e poi, come puoi notare dalle foto, la tapparella rimane abbassata e questo non causa assolutamente l'ingresso del freddo e non ci sono nemmeno spifferi.

      Elimina
  9. Per gli Amianti Dei gattini Che devono/vogliono stare in appartamento

    RispondiElimina