martedì 15 giugno 2010

Montare una sedia con papà: strategie e conquiste

Ogni volta che la Scimmia stava da me mi chiedeva, all'ora di pranzo o di cena, il seggiolone per mangiare. Questo perché quando, dopo la separazione, sono venuto a vivere qui fu acquistato un seggiolone "light" (in pratica molto semplice e con la sola peculiarità di essere pieghevole e richiudibile come un asse da stiro) per permettere alla Scimmia di mangiare mentre soggiornava da me. Non ricordo sinceramente se lo comprò Claudia o lo comprai io, su sua segnalazione, ma a quel tempo la Scimmia mangiava ancora sul seggiolone ma con piatto, posate e rigorosamente tutto da solo.
Dalla separazione era passato un anno ormai ma non mi ero allineato a Claudia che, un po' di tempo fa, aveva comprato una sedia alta per fare mangiare la Scimmia al tavolo insieme a lei. Sono rimasto indietro per i vecchi aspetti del mio carattere: lentezza nell'attuazione delle decisioni, pigrizia e mancanza di voglia nel sentire urlare la Scimmia perché voleva il seggiolone per mangiare.
Venerdì poi ho avuto un'idea, tutto da solo!
L'idea era articolata in 2 fasi:
  1. acquistare una sedia alta per far mangiare la Scimmia insieme a me allo stesso tavolo;
  2. invogliare la Scimmia a mangiare seduto su quella sedia facendolo partecipare alla costruzione.
Così ieri mattina sono andato all'IKEA ed ho acquistato una sedia alta INGOLF: volevo la AGAM ma c'era solo in esposizione (traballante e non mi interessava il 15% di sconto) e le nuove non sarebbero arrivate prima di due mesi. Arrivato a casa ho messo da parte la scatola, che per altro pesa pochissimo, sapendo che questa sera la Scimmia avrebbe cenato da me. Sono stato felice di avere avuto quell'idea soprattutto perché sapevo che sarebbe stato un bel modo per far cambiare abitudine alla Scimmia e ha rafforzato la mia autostima di padre. Oltretutto ho pensato che avrebbe favorito l'autostima anche nella Scimmia, proponendogli un'attività motoria che non avesse il solo fine del divertimento ma che desse un risultato concreto, visibile ed utile. Forse gli insegnerà anche il rispetto per le cose in cui si è impegnato e per cui ha dovuto "lavorare"???
Mi sono fatto aiutare da lui nell'apertura della scatola, nella ricerca del manuale e nell'identificazione dei materiali di fissaggio.


Naturalmente gli ho permesso di toccare solo le parti della sedia non pericolose e di usare l'unico attrezzo manuale in dotazione, una chiavetta a brugola, secondo i modi ed i tempi stabiliti da me.


Lui è stato davvero bravo, chiedeva anche quando poteva usare la chiave e se c'erano delle operazioni che poteva fare da solo.
Il montaggio ha richiesto poco meno di dieci minuti ed erano solo sei semplici passaggi in quanto tre quarti dei pezzi erano già assemblati.
Ed ecco il risultato:

senza Scimmia
con Scimmia
Lui era molto contento ed appena abbiamo finito di montarla ha voluto provarla ed ha voluto mangiare a tavola di fianco a me standoci seduto! Ero molto felice ed orgoglioso anche io, sia di me che di lui :-)
Cosa ne pensate?

13 commenti:

  1. ciao bella idea ... se i bambini collaborano alla realizzazione sono più invogliati ad usare l'oggetto creato e poi a loro piace tanto usare gli attrezzi di papà!!!
    buona settimana Patrizia

    RispondiElimina
  2. Grazie, mi fa piacere che altri apprezzino l'idea. Mi rendo conto che per voi mamme questa strategia è un metodo di educazione ormai consolidato ma io sono parecchio in ritardo come papà e mi sto mettendo in pari ora. Per me sono piccoli risultati positivi in un mare di fallimenti quotidiani e questo mi regala tenacia e voglia di migliorare.
    Buona settimana anche a te :-)

    RispondiElimina
  3. Complimenti! Per l'idea e per il modo con cui cerchi di coinvolgere la scimmia. A me non sempbri affatto indietro... Anzi credo che a molti padri che hanno la fortuna di poter vedere il figio ogni giorno non sarebbe passato neanche per la testa. Ammiro veramente la voglia che hai di metterti in gioco e di migliorare ogni giorno come padre. Bravo!

    RispondiElimina
  4. Ciao!
    Primo commento extra candy...wow!
    Anche per me non sei indietro.
    DaddyBear su queste cose non ha mezza iniziativa che sia mezza e mi tocca far da sola.
    Però monta, ma è talmente teso che devo togliergli BElvetta da torno se no con la paura che ingoi qualcosa gli viene un coccolone.
    La sedia è bellissima e il Topastro ancora di più.

    RispondiElimina
  5. bello, bello, bello tutto: la tua idea, come l'hai portata avanti, il risultato, la reazione del vostro piccoletto...
    la mia è un periodo che fa il contrario della scimmia: vorrebbe mangiare solo sulla sedia. ma ancora è un pò insicura e allora non se ne parla. per fortuna non le dispiace stare sul seggiolone!
    complimenti!

    RispondiElimina
  6. ciao sergeppetto! ti conosco già da un po' perchè seguo il blog di claudia e topastro. Ti faccio i complimenti per l'idea della seggiola alta: i bambini amano sentirsi indipendenti e sempre un po' più grandi e autonomi! la scimmia sta imparando velocemente a montare gli oggetti...che bella questa collaborazione!

    RispondiElimina
  7. Bellissima l'idea di costruire qualcosa insieme, tanto più se serve per fargli apprezzare un cambiamento. Bravo!
    E mi piace anche che cerchiate di allinearvi nella crescita del bambino, non è una cosa frequente nemmeno per i genitori che vivono insieme...
    Però la sedia alta a me mette ansia, non posso evitarlo... sarà che mio figlio è sempre in movimento e la caduta tutt'altro che improbabile...

    RispondiElimina
  8. Faccio un ringraziamento comune perchè siete state davvero tutte gentili, mi avete fatto tutte dei bei complimenti ed avete espresso tutte un giudizio positivo riguardo alla mia idea ed al mio intento. Questo è molto importante perchè attualmente non ho possibilità di confronto diretto con una mamma, non posso chiedere consigli o indicazioni. Posso solo contare, ogni tanto, su una esperta in educazione infantile.
    Vi devo però smentire sul fatto dell'essere indietro: lo sono ed anche molto. Purtroppo nell'ultimo anno sono stato un padre coglione mentre negli ultimi due addirittura un compagno coglione (scusate la volgarità ma non c'è altra definizione, spero non me ne vogliate).
    Tutti gli atteggiamenti sbagliati che tengono, o possono tenere i padri, che avete citato voi io li ho avuti tutti, dal primo all'ultimo: mancanza di interesse, di entusiasmo, di iniziativa, di intraprendenza e di confronto con la mia compagna. In pratica mi sono autoespluso dal terreno in cui si giocava la partita per la crescita di padre e di compagno. Cosa più sbagliata ho lasciato tutto sulle spalle di quella che era la mia donna, forse la cosa più grave. Si chiama coppia perchè le cose si fanno e si affrontano in due. Sono rammaricato di aver compreso queste cose a trenta anni e non a ventisette, però ho tanta voglia di cambiare e di ribaltare le sorti!
    Di nuovo grazie a tutte, siete state gentilissime! :-)

    RispondiElimina
  9. Adesso sono a casa in completo relax, ho anche finito di cuocere la torta margherita. Voglio quindi fare dei ringraziamenti "personalizzati" :-)
    @Mammagiramondo: Grazie dei complimenti. Spero che i padri di cui parli un giorno capiscano che cosa si stanno perdendo.
    @rocciajubba: Grazie anche a te dei complimenti. Se il tuo DaddyBear non ha iniziativa digli che è così bello avere dei ricordi "personali" con il proprio figlio, te lo fa sentire più tuo e contribuisce a creare una sorta di intesa. Almeno è stato così per me e la Scimmia. Se monta sei fortunata, puoi fargli costruire la mini-cucina e la mini-credenza che ho realizzato io ;-)
    @Maggie: Grazie, grazie, grazie! Ti confesso che anche con la Scimmia mi accerto sempre, e più volte durante il pasto, se è seduto bene e non sul bordo della sedia. A volte è lui che mi dice "non arrivoooooo" per farmi capire che la sedia è troppo lontana dal tavolo. Quando la tua Memole sarà sicura non dovrai far fatica a convincerla a stare sulla sedia :-)
    @MaestraLaura: Grazie anche a te dei complimenti, è stata davvero una bella collaborazione.
    @Claudia-cipi: A dire la verità sono io che cerco di allinearmi a ciò che fa Claudia per dare alla Scimmia un'educazione costante e non farlo sentire disorientato. Se hai un figlio sempre in movimento capisco le tue preoccupazioni, la Scimmia è abbastanza
    tranquillo, quando non fa i capricci...
    @muccachicca: Grazie davvero, sono proprio delle belle parole. Vorrei tanto che ciò che hai scritto fosse anche il pensiero di un'altra persona :-)

    RispondiElimina
  10. mi sembra che tu possa essere orgoglioso di questo risultato! guarda la faccina della scimmia sulla sua sedia!

    RispondiElimina
  11. BRAVO PAPà HAI AVUTO UN'OTTIMA IDEA E MI SEMBRA CHE IL TOPINO SIA STATO FELICISSIMO!
    ps: quasi quasi compro anche io quella sedia!

    RispondiElimina
  12. @mammasorriso: Si, sono molto orgoglioso! Anche se è una goccia di successo nel mare degli errori, sto smettendo di pensare a me come ad un inetto, che sbaglia sempre e che non è capace di fare delle cose intelligenti. Chi sa chi mi aveva messo in testa queste cose....
    @istinto: Grazie! La sedia è molto bella, poi il colore anticato le dona tantissimo. C'era anche bianca ma mordente stava meglio in cucina! Credo che il montaggio sia anche più semplice della INGAM.

    RispondiElimina