venerdì 19 marzo 2010

Lontano dalle mie passioni

Purtroppo sul lavoro è iniziato un periodo pienissimo di cose da fare.
Arrivo a casa stanchissimo e tardi, così tardi che non accendo nemmeno la tv perchè non c'è gusto nel vedere la seconda metà di un film...
Vorrei fare qualche lavoro, andare avanti con la verniciatura degli sportelli del mobile della lavatrice ma il tempo (atmosferico) non me lo permette: o fa freddo o piove. Per dare all'impregnante per legno la possibilità di aderire bene e scendere in profondità ci vuole la temperatura giusta, mica gli sbalzi che, ormai, sono all'ordine del giorno.
Volevo andare avanti anche con il banco per gli attrezzi della Polpetta ma non sono riuscito ad andare ancora nei negozi giusti: quando sono aperti io sono occupato, quando io sono libero loro sono chiusi...Come si dice in questi casi? Legge di Murphi? Sfiga??
Spero di combinare qualche cosa questo fine settimana, mi manca il sorriso della Polpetta sorpreso per un nuovo gioco che non si aspetta.
Questa sera mi ha chiesto se andavo da lui a giocare ma era troppo tardi e dopo qualche minuto sarebbe andato a letto. Ci ho solo parlato tramite telefono ed ho sentito un piccolo fastidio al cuore, non quello fisico ma quello emotivo...Altre volte è scesa una piccola lacrima, c'è chi non ci crede ma è così...
Gli ho promesso che andrò domani e lo farò, la Polpetta merita la mia presenza!
Spero anche che guarisca presto, ieri aveva un faccino tutto strano, si vedeva che non era in forma.
Adesso vado a dormire, mi sento uno straccio, proprio un Mocio ma molto mogio.
Notte a tutti!
Sergeppetto in straccetto mode

2 commenti:

  1. I papà a cui cadono le lacrime e a cui fa male il cuore se per qualche sera non possono giocare con le loro polpette sono i migliori. Buona Festa del papà!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Rita.
    In realtà non sono uno dei migliori papà, ce ne sono di più bravi.
    Ci sono tante cose che dovrei fare per la Polpetta ma non riesco a farle oppure vorrei farle ed ormai è tardi :-(
    Ho dei ritmi così serrati e degli orari così strampalati che quando vorrei chiamare la Polpetta per augurargli la buonanotte ormai dorme da ore, sigh sigh.
    Peccato che c'è chi non crede che ci soffro...

    Grazie degli auguri!

    RispondiElimina