domenica 14 febbraio 2010

Ridere da solo

Oggi è il wash day ed una decina di minuti fa mi sono ritrovato nel bagno, davanti alla lavatrice, che affettuosamente chiamo Lavy, a ridere da solo col gatto che mi guardava con una espressione tra l'impaurito e l'incredulo.
Avrà certamente pensato «Questo è matto!» e come non dargli torto.
Mentre svuotavo la lavatrice, dopo il suo 4° lavaggio , mi sono detto tra me e me «Oggi non ho fatto altro che lavare, lavare e lavare!» (in realtà lo fa la lavatrice ma devo pur stargli dietro...) ed in quel preciso istante mi sono ricordato una frase di mia madre, di quando ero ancora solo "figlio" e non mi passava minimamente per l'anticamera del cervello di andare a vivere da solo, ne tanto meno mettere su famiglia dopo tre anni.
La frase che avevo ricordato era «Uffa, certi giorni non faccio altro che lavare, lavare e lavare!», in pratica identica alla mia, e li è partita la risata demenzial-psicoliberatoria.
Quando mia madre si lamentava dei lavori casalinghi pensavo che esagerasse ma sono anni, ormai un lustro ed un anno, che mi sono reso conto che aveva ragione da vendere.
La lavatrice non ha più segreti per me e nella mia carriera da casalingo superpiù ho cambiato colore ad un solo asciugamano, che da giallo è diventato grigio cenere, ed infeltrito un solo maglione. Conosco casalinghe provette che devono mettere mano alla candeggina una volta a settimana per porre rimedio ai disastri (non capisco ancora come facciano a crearli) e quindi sono abbastanza fiero dei miei risultati, eh eh eh.
Dopo aver svuotato la lavatrice è venuto il momento di fare implorare pietà allo stendibiancheria, che io affettuosamente chiamo Standy. A volte lo faccio anche piangere perché riesco a riempirlo del 50% in più rispetto a quanto dichiarato dal suo costruttore, pur lasciando dell'aria tra un indumento e l'altro! Oggi c'era anche il copri divano che, dopo una settimana passata a riempirsi di peli di gatto e dei sassolini della sua lettiera, è uscito dall'oblò così profumato e pulito che quasi non lo riconoscevo!
Un giorno avevo pensato seriamente di comprare un'asciugabiancheria ma dopo pochi secondi, e qualche conto a mente, ho capito che sarebbe stato più economico comprare direttamente 1000 azioni dell'ENEL. Oltretutto dovrei fare divorziare Lavy e Standy e non me la sento di fare il rovina famiglie.
Oltre al wash day oggi è anche il clean day e devo ringraziare il mio caro Roomba che mi permette di godermi un po' d'aria fuori casa mentre lui gira e gira, aspira e aspira, pulisce e pulisce!
Al mio ritorno a casa era in crisi cardiaca ed emetteva il suo bip fiacco in attesa che lo rimettessi in carica. Ormai ha tre anni, ne ha pulito di pavimento, ma lo tratto così bene che sembra appena uscito dalla sua scatola. Se non ci fosse lui sarei costretto a rimanere in casa il tempo necessario a pulire tutto con l'aspirapolvere e potrei scordarmi di uscire un paio di orette alla domenica mattina. Durante la settimana passo sempre l'aspirapolvere ma almeno la domenica ho più tempo per me e di questo devo ringraziare il mio Roomba!

Nessun commento:

Posta un commento